Siete qui: Homepage / Il territorio e i musei / I musei del sistema / Museo della città (2005)

Museo della città (2005)


Veduta esterna del Museo della città Il Museo della città si trova lungo l’antico percorso della via Francigena, nel tratto urbano oggi coincidente con via Roma; ha sede nel Palazzo Vescovile, costruito in occasione della nascita della nuova diocesi di Acquapendente, voluta da Papa Innocenzo X nel settembre del 1649.

L’allestimento museale è stato realizzato al primo piano dell’edificio, dove si trovano il Salone degli Stemmi e l’appartamento del vescovo, con annessa cappella privata. Nei sotterranei ebbe sede il carcere pontificio, di cui è ancora possibile visitare le celle.

L’aspetto odierno del palazzo è il risultato della somma di vari rifacimenti successivi, databili tra la fine del XVII e la metà del XVIII secolo.

Nella sede principale del museo sono esposte la collezione diocesana (costituita essenzialmente da paramenti e arredi sacri) e la collezione civica, formatasi a seguito degli scavi dei “butti” nell’area del Vescovado, da cui è stato recuperato, restaurato e catalogato un enorme nucleo di ceramiche medievali e rinascimentali.

Nella Torre Julia de Jacopo, dove la via Francigena usciva dalla città di Acquapendente in direzione di Roma, ha sede la prima sezione staccata del museo, dedicata alla presentazione della maiolica arcaica.  

Nei locali del convento di San Francesco è ospitata una seconda sezione staccata del museo, dove sono presentati i dipinti appartenenti alla quadreria conventuale.


Galleria immagini:

Museo della città: collezione diocesana. Museo della città: pinacoteca. Museo della città: collezione civica